Itinerario Archeologico

Selinunte

 

ABSTRACT
PERCORSO:
Archeologico
TEMI:
Archeologia Paesaggio Natura
 
Visita dell’area archeologica di Selinunte estesa lungo la costa, a sud di Castelvetrano. L’impegnativa escursione tra le rovine e le testimonianze della civiltà greca e cartaginese può essere conclusa nelle località marine. Marinella di Selinunte, antico borgo peschereccio, offre servizi e strutture turistiche. La contrada di Triscina conserva tratti di litorale incontaminati ed è sede del  Campus Archeologico Museale.

Descrizione Itinerario

L’itinerario inizia con la visita della zona archeologica estesa a sud di Castelvetrano, lungo la costa, tra le località Marinella e Triscina.  L’ingresso principale, dotato di ampio parcheggio, si trova in via Selinunte e introduce all’escursione tra le rovine e le testimonianze della civiltà greca e cartaginese.

Superata la biglietteria si può procedere a destra, lungo il sentiero che porta verso il complesso di templi (E, F, G) della cosiddetta “Collina Orientale”.

Se si volesse raggiungere direttamente l’“Acropoli” si può proseguire lungo la strada carrabile in fondo al parcheggio che conduce ad un altro ingresso.
Il perimetro dell’area sacra dell’acropoli è messo in evidenza dai resti delle fortificazioni che si possono costeggiare, seguendo il sentiero a destra, fino alla porta Nord.

Il sentiero a sinistra, invece, conduce ai santuari principali, la cui visita inizia dalla Casa del viaggiatore.  Sull’area meridionale, oltre ai templi A e O, si trovano testimonianze della civiltà punica; sul santuario settentrionale sono distribuiti il Megaron e i templi B, C e D. Dal tempio D, seguendo il Cardo principale, si raggiunge l’area delle Fortificazioni e della Porta Nord.

Lasciando l’acropoli il visitatore può proseguire a nord verso il piano di Manuzza, dove, oltre ai resti del tempio Y si trova l’area dell’antico centro urbano, i cui scavi sono ancora in corso. 

Un’alternativa, terminata la visita alle fortificazioni, è seguire l’asse del decumano e raggiungere la porta Ovest. Da qui il percorso si prolunga, oltrepassando il ponte sul fiume Modione,  verso l’area sacra occidentale, “Gaggera”, che comprende i santuari delle divinità ctonie: il tempio N, il santuario di Demetra-Malophoros e il tempio M, oltre la fonte Gaggera e l’antiquarium, posto al termine della visita al parco. 

L’impegnativa escursione può essere conclusa nelle contrade marine. Marinella di Selinunte, antico borgo peschereccio, oggi offre servizi e strutture alberghiere pensate per il turista. Sul versante occidentale, la contrada di Triscina conserva tratti di litorale incontaminati. La zona, oggi, è valorizzata tramite l’istituzione del Campus Archeologico Museale di Selinunte, centro di archeologia sperimentale aperto sulla distesa area della necropoli di Manicalunga-Timpone Nero. Il CAM, nel periodo estivo, fa da location all’Efebocorto Film Festival, un’interessante rassegna di cinema archeologico.

 

Informazioni utili:

 
Parco Archeologico di Selinunte e Cave di Cusa “Vincenzo Tusa"

Indirizzo: Via Selinunte
Provincia: Trapani  Comune: Castelvetrano   Località: Marinella di Selinunte
Tel. : 0924 46540 / 0924 46277

Orari ingresso: Tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00.

Biglietto singolo intero:  6,00 €
Biglietto singolo ridotto:  3,00 €

Chiusura biglietteria ore 18.00.

Chi acquisterà il biglietto di ingresso a Selinunte (costo 6 euro, ridotto 3 euro, residenti 1 euro) potrà con lo stesso entrare anche alle Cave di Cusa.

Ente: Servizio Parco archeologico di Selinunte e cave di Cusa “Vincenzo Tusa” e delle aree archeologiche di Castelvetrano, Campobello di Mazara e dei Comuni limitrofi

CAM Selinunte

Indirizzo: Baglio Calcara
Provincia: Trapani Comune: Castelvetrano Località: Triscina di Selinunte

Ingresso libero

Ente: Fondazione Kepha Onlus